Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Marino Mancinelli (1842-1894)
FANTASIA SU LA FAVORITA DI DONIZETTI
per trombone e orchestra

Preloader

Marino Mancinelli  (1842-1894)

FANTASIA DI CONCERTO
per trombone con accompagnamento d’orchestra sopra motivi scelti
dell’opera La Favorita di Donizetti

MATERIALE ORCHESTRALE

Curatore: Claudio Paradiso
Collana: Solo di Concerto, SDC.20
Anno edizione: 2020
Rilegatura: spillatura
N. Catalogo:
V. 536 M.
ISMN:
979-0-52015-535-9

 

Marino Mancinelli (Orvieto, 16.VI.1842 – Rio de Janeiro, 2.IX.1894), fratello maggiore di Luigi, apprese i rudimenti musicali dal padre e dopo aver dato prova del talento compositivo con un’Ave Maria e una Marcia funebre, studiò con A. Borroni, maestro di cappella in San Francesco di Assisi. Completò in seguito il tirocinio formativo con Teodulo Mabellini a Firenze. Divenne direttore dell’Istituto musicale Così come avviene nell’affascinante mondo dell’archeologia anche nella musicologia accade eccezionalmente di ‘scoprire’ qualche tesoro nascosto e sconosciuto. La vicenda di questa Fantasia di Marino Mancinelli ne è l’esempio perfetto. Difatti il ritrovamento fortuito in un mercatino antiquario del manoscritto originale di un concerto romantico italiano per trombone e orchestra – già di per sé stessa una rarità – non è cosa di tutti i giorni. Nessuna biografia o voce enciclopedica su Mancinelli riporta nel proprio catalogo generale delle opere questa Fantasia: molto probabilmente perché la copia originale fu sempre custodita dal musicista dedicatario, tale Americo Comparozzi che, proseguendo la tradizione già in uso fin dal tardo Settecento, era il depositario dell’opera e in tal modo l’unico a essere autorizzato alla sua esecuzione. E molto probabilmente per lo stesso motivo non si preoccupò che venisse data alle stampe...dalla prefazione