Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Giusto Dacci (1840 -1915)
RIMEMBRANZE
di Bellini sulla Norma
per fagotto e pianoforte


€ 25,00


Preloader

Giusto Dacci (1840 - 1915)                                                                                                                                                             

RIMEMBRANZE DI BELLINI SULLA NORMA
variate per fagotto e pianoforte

Prima edizione assoluta e critica

Collana: Fagotto, FG.07
Curatore: Gabriele Mendolicchio
Anno edizione:
2019
Rilegatura: spillatura
N. Catalogo:
V. 528 M.
ISMN:
979-0-52015-527-4

 

 

Giusto Severo Pertinace Dacci (Parma, 1. IX. 1840 – Parma, 5. IV. 1915) studiò, come alunno interno convittore alla Regia Scuola di Musica di Parma, pianoforte sotto la guida di Riccardo Gruntner (1834-1861) e composizione con Giovanni Rossi (1828-1886), diplomandosi nel 1860. L’opera dal titolo Rimembranze di Bellini sulla Norma variate per fagotto con pianoforte è parte di una duplice composizione dedicata al fagotto che vede parafrasate Trovatore e Norma, entrambe unite nell’intenzione del compositore da un abbozzato titolo: N. 2 Divertimenti per Fagotto con accompagnamento di Pianoforte del m° Giusto Dacci. Il tema e le variazioni sono estratti dall’aria Ah! Bello a me ritorna dell’atto I, Mira, o Norma e Dammi quel ferro, dall’atto II.